La Piramide di Roma e il miracolo giapponese

Imprenditore di moda in Giappone e benefattore in Italia. Ebbene succede anche questo!

Ancora una volta, a testimonianza di quanto il nostro patrimonio artistico abbia più ammiratori all’estero che in patria è la storia di Mr.Yagi e la Piramide di Caio Cestio a Roma.

Quattro anni fa il nostro “innamorato” ha offerto al Ministero dei Beni Culturali la cifra di un milione di euro per restaurare un monumento della città, scegliendo la Piramide che si trova accanto a Porta San Paolo. Iniziato l’intervento di ripulitura e restauro nel 2010 ha aggiunto un secondo milione di euro per concludere i lavori, festeggiando la conclusione nel novembre scorso. Essendo un monumento funerario costruito per volere del pretore Cestio ha una “camera” interna, visitabile al momento, un solo giorno alla settimana, il sabato.

Di grande interesse vederla dall’adiacente “Campo Cestio”, l’antico cimitero per stranieri non cattolici.

Non posso quindi che concludere con i più sentiti ringraziamenti a Mr.Yagi che ha riportato a splendere uno dei più curiosi monumenti romani.

Andrea Paoletti © 2015

1

The Pyramid of Rome and the Japanese Miracle

A fashion entrepreneur in Japan and a benefactor in Italy. Even this can happen! Once again we see a case that shows that our artistic heritage has more admirers outside our borders than in our own country: this is the story of Mr. Yagi and the Pyramid of Caius Cestius in Rome.

Four years ago our “admirer” offered the sum of one million euro to the Ministry of Cultural Heritage to be used to restore a monument in the city, settling on the Pyramid next to Porta San Paolo. In 2010 the work of cleaning and restoration began and a second allotment of another million euro was added to be able to conclude the works which celebrated their termination last November. Since the structure is actually a funerary monument built for the praetor Cestius, there is an indoor “room” which is currently only accessible one day a week, on Saturdays.

It is very interesting to view the Pyramid from the adjacent “Campo Cestio” field, the ancient cemetery reserved for foreigners not of the Catholic faith.

So I can only end here with my most heart-felt thanks to Mr.Yagi who brought one of Rome’s most curious monuments back to a brilliant new life.

Andrea Paoletti © 2015

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...