“Corteccia” di Federico Gori al Museo Ebraico di Bologna

Pochi giorni prima delle celebrazioni del “Giorno della Memoria” della Shoah si è inaugurata sabato 24 gennaio l’installazione “Corteccia” di Federico Gori presso il Museo Ebraico di Bologna.

Una piccola stanza vuota, una flebile luce ricordano le vittime della Shoah in Emilia Romagna, i cui nomi si leggono su una lunga striscia nera sul pavimento. Gori, in punta di piedi e con estremo rispetto ha collocato la sua installazione: due grandi telai dove ha montato una tela impregnata e segnata di elementi naturali (erba, terra, radici, legno) a rappresentare la corteccia degli alberi.  La “Corteccia” è la memoria storica di un albero che in questo lavoro rappresenta il ricordo di tante vite perse.

Si riconferma, in questo ultimo lavoro di Gori, la presenza fondamentale dell’elemento vegetale. Dopo l’installazione di Palazzo Strozzi, il grande albero sospeso sopra i fogli di rame, “Corteccia” aggiunge un significativo tassello nel percorso artistico di Federico Gori che sicuramente ci riserverà in futuro altre importanti sorprese.

Andrea Paoletti © 2015

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...