Il “cucinone” di Palazzo Pitti

Dopo un completo restauro è tornato a nuova vita, e visitabile, la grande cucina di Palazzo Pitti detta il “cucinone”.

Collegati alla Galleria Palatina e agli appartamenti monumentali si trovano gli ampi spazi di questo locale che emana la magia del tempo. Bellissimi d’accordo  i vari musei, le ricchezze degli appartamenti ma una volta entrati nel “cucinone” ci par di vedere le cuoche al lavoro, udire i rumori tipici di una cucina per poi esagerare, sentire gli odori. In questi locali furono preparati il suntuoso banchetto di nozze per Maria de’ Medici, futura regina di Francia, ma anche, all’epoca di Firenze capitale, i pasti per Vittorio Emanuele II. Oltre al restauro,  un  preciso allestimento, dalle ceramiche alle forme in rame, poi gli attrezzi da cucina, tegami e teglie con addirittura gli “odori” (erbe aromatiche) e una tela “Natura morta con fiasco” del XVII secolo. Il “cucinone” come dettava la regola architettonica del tempo doveva avere grandi volumi, per farsì che l’aria e i fumi non stagnassero, vista la presenza di tre grandi camini, di cui uno si ipotizza possa essere stato progettato da Bernardo Buotalenti.

1

Insomma una meraviglia che merita di essere scoperta.

E’ possibile con visite guidate in programma dal martedì alla domenica  alle 10.30, 11.30,  15.30 e 16.30 con il  biglietto della Galleria Palatina.

Andrea Paoletti © 2015

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...