PITTI UOMO 94esima edizione

Mentre tutta la “carovana” della moda si è spostata a Milano, a Firenze si tirano le   somme della 94esima edizione di Pitti Uomo che si è svolta dal 12 al 15 giugno scorso.

Oltre 1200 aziende italiane e straniere hanno presentato le loro collezioni per la prossima stagione a oltre 20 mila buyer da tutto il mondo, unitamente a esperti di moda, giornalisti, blogger e fotografi.

DSC_6611

E’ stata una quattro giorni con un “cartellone” pieno di eventi,  sfilate, mostre, aperture di negozi.

DSC_6618

Di grande interesse le mostre “Bonaveri, a fan of Pucci”  e in clima mondiali di calcio “Fanatic Feelings – Fashion Plays Football” nel complesso di Santa Maria Novella.

DSC_6620

Per le sfilate, location prestigiose. Una su tutte, Roberto Cavalli, che con la collezione disegnata da Paul Surridge, ha sfilato nel monastero della Certosa del Galluzzo , a seguire, ugualmente affascinante, il londinese Craig Green che con uno stupendo allestimento ha sfilato al Giardino di Boboli.

DSC_6622

Sono stati celebrati anche molti anniversari, tra cui i 70 anni di Herno, i 40 di Brunello Cucinelli e i 45 di Enrico Coveri , mentre altri, da Giorgio Armani a Ermanno Scervino, hanno inaugurato nuovi negozi in città.

DSC_6639

Comunicato stampa Pitti Immagine.com :

 

“I dati registrati al termine della terza giornata di questa 94esima edizione – che si conclude oggi

alla Fortezza da Basso di Firenze (12-15 giugno 2018), fanno prevedere un’affluenza finale che andrà a superare quota 19.000 compratori totali: l’estero conferma il suo grande dinamismo, mantenendosi sugli stessi alti livelli di presenze di un anno fa, con performance positive per mercati di riferimento come Germania (sempre in testa alla classifica compratori), Stati Uniti (+24%), Regno Unito (+6%), Olanda (+13%), Francia (+6%), Canada (+11%) e crescite consistenti anche per mercati più giovani come Hong Kong (quasi raddoppiato il numero dei suoi buyer) e India (+30%); mentre sono in leggera flessione i numeri da Giappone, Spagna, Cina e Svizzera.

In leggero e prevedibile calo, rispetto alla corrispettiva edizione estiva, anche le presenze degli italiani (intorno al -2,5%), a riflettere un periodo ancora difficile per il mercato interno.

DSC_6646

Complessivamente anche a questa edizione di Pitti Uomo si supereranno ampiamente i 30.000 visitatori totali.

Numeri da record si sono raggiunti sui social media: i 4 giorni di Pitti Uomo 94 hanno generato più di 35.000 post e 7 milioni di interazioni; Instagram è stata la fonte con il più alto numero di post collezionati, e ha generato il 97% di interazioni; l’hashtag più popolare è stato #PittiUomo con 29.000 menzioni (Fonte dati: Launchmetrics)”

 Andrea Paoletti © 2018

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...